Chi siamo

la storia di zerogravity

Sono Damiano Trinca, classe ‘76,

e sono il fondatore e ideatore di zerogravity981.

Questa è la mia storia.

Era il lontano 1992 quando entrai nella mia prima palestra e da allora è stato il mio mondo, la mia vita.
Anni e anni di duri allenamenti mi hanno portato ad arrivare a un paio di settimane dai campionati del mondo. Ma all’improvviso ho visto crollare tutto intorno a me.

Un grave infortunio all’avambraccio sx mi aveva reciso di netto i muscoli estensori delle dita. Niente mondiale, addio apparentemente a tutto quello che avevo costruito. E invece la vita come sempre va vissuta reagendo alle difficoltà e proprio in queste trovando nuove energie e nuove opportunità. Senza quell’infortunio non sarei mai probabilmente potuto diventare il più esperto preparatore nell’allenamento in sospensione.

Vi racconto meglio la mia storia e quella di zerogravity981.
A detta dei dottori la mia mano non avrebbe più funzionato come prima. Potete immaginare la disperazione che mi assalì. La mia unica fortuna è stata quella di ogni atleta per il quale la parola “mollare” non esiste. Da lì ho iniziato il mio percorso di formazione e crescita: riprendo in mano Kinesiologia e mi impegno ad applicare tutte le tecniche possibili per rimettere in moto la funzionalità della mia mano. Questo però mi rendevo conto che non bastasse. Come in qualsiasi infortunio, a maggior ragione per quelli seri, rimangono sempre stress emotivi da vincere, da superare. Mi specializzo quindi anche in psicologia sportiva con percorsi di formazione in PNL (master pratictioner) e counseling.

Il mio corpo, la mia mente, sono il mio praticantato per crescere e diventare un professionista che possa essere utile ad altre persone e atleti. Sono un atleta, quindi molto severo ed esigente con me stesso.
Gli anni passano, la mano ritorna a funzionare come prima, maturo e divento più saggio. Mi allontano dalle competizioni e dal culturismo. Divento un preparatore in grado di far vincere gli altri e i loro obiettivi. In due anni mi ritrovo a seguire 10 campioni del mondo in discipline diverse e ci tengo a sottolinearlo, nessun culturista. I miei campioni vincono praticando sport di combattimento, canoa, arrampicata , volo libero (deltaplano), equitazione e maratona.

Tutto questo però riesco a ottenerlo grazie a una mia intuizione che mi ha letteralmente cambiato la vita.
Un giorno di una torrida estate del 2009 mi trovavo in una stanza d’hotel in Qatar, in trasferta per impegni di quello che all’epoca era il mio lavoro principale. Con un occhio stavo seguendo il funerale di Michael Jackson in tv, con l’altro stavo facendo delle ricerche su internet. Mi stavo chiedendo in quel periodo come potersi allenare anche se lontano da casa e dai propri abituali attrezzi. D’altronde tutti sanno cosa implichi portarsi con se pesi e volumi in più in viaggio. All’improvviso, la scintilla. Cosa portiamo sempre con noi? Il nostro corpo! Da questa intuizione inizio a studiare e capire come poter allenare tutto il corpo utilizzando il proprio peso.

Concepisco ZeroGravity981(patented). Un attrezzo fatto, semplicemente ma ingegnosamente, di cavi carrucole e un imbraco che opportunamente assemblati permettono di allenare il corpo in completa sospensione dando luogo a un’infinità di esercizi e metodi, applicabile a qualsiasi sport o persona, anche non normo dotata.

E insieme all’attrezzo sviluppo il metodo di allenamento N.Ar.T. che è funzionale a sfruttarne tutte le potenzialità. N.Ar.T. è acronimo di Neurologyc AeRial Training ma è una dedica anche alla memoria di mio padre, Narciso Trinca, mio grande maestro di vita e vero e proprio genio creativo e d’ingegno. Mio grande fan, mi ha aiutato a costruire e perfezionare i primi telai dove andare ad agganciare l’attrezzo. Insieme abbiamo ragionato su molte ipotesi di sviluppo, scontrandoci anche molto spesso, essendo due creativi con una personalità forte. Devo a lui molto di quello che sono e continuerà a ispirarmi, sempre.

I primi ad adottare con entusiasmo zerogravity sono stati in primis atleti e persone allenate. Non mi bastava. Volevo che qualsiasi utente, di qualsiasi età, disciplina anche con patologie, potesse avvicinarsi all’incredibile mondo del suspension training. Dovevo ampliare e sviluppare il metodo.
Dalla versione classic nacquero altre 8 versioni e zerogravity è diventato zerogravity981: 9 configurazioni, 8 esercizi fondamentali per ogni configurazione in 1 attrezzo.

L’evoluzione aveva preso inizio, non più solo un attrezzo ma un vero e proprio sistema e metodo di allenamento in sospensione che permette all’utente di allenare tutto il corpo, riallineando la struttura scheletrica, rieducando la muscolatura, riducendo gli infortuni e aumentando le performance grazie al fatto di resettare i vecchi schemi motori. Sì proprio così, la ricerca di un equilibrio muscolare fa in modo che i muscoli forti rimangano tali e quelli più deboli si rinforzino: chiaramente lo zero assoluto non si raggiungerà mai tra il lato destro e quello sinistro del proprio corpo, ma il solo fatto che, a esempio, un femorale diventi quasi forte quanto il suo gemello, significa che la forza complessiva è aumentata e in modo sistemico tutto il corpo può beneficiarne.

Lavorare in sospensione è molto efficace perché il proprio corpo andrà alla ricerca di un centro di gravità, quello più ideale per tenere la posizione durante l’allenamento, ergo un equilibrio, dove le forze in quel punto diventeranno “Zero”. zerogravity981 permette quindi un allenamento dinamico in completa sospensione allenando anche il sistema vestibolare.
Il metodo [N.Ar.T.] studia quindi il movimento del corpo e insegna semplici tecniche a corpo libero e con l’ausilio dell’attrezzo zerogravity981, per connettere il sistema mente/corpo e ottenere così un funzionamento all’unisono dei due emisferi cerebrali prima, e il riallineamento posturale dopo.

Zerogravity981 è cresciuto molto in questi anni. È diventato un vero e proprio progetto al quale ora partecipano diverse figure che mi aiutano e supportano nel farlo crescere ulteriormente. Stiamo cercando nuovi “Numeri 1” che vogliano aderire al nostro progetto e aprire con noi nuove sedi. Abbiamo un sogno, una visione, un sistema completo di allenamento ispirato da una filosofia forte. Vogliamo arrivare in alto.

Damiano Trinca

Personal Coach, preparatore atletico, consulente e formatore in campo sportivo e del fitness, esperto in biomeccanica e kinesiologo, allenamento in sospensione, allenamento funzionale, postura e soprattutto di coaching.

Ideatore e fondatore zerogravity981 e della scuola di istruttori attraverso il metodo NArT(Neurologyc AeRial Training) con rilascio del diploma nazionale riconosciuto daASC/CONI.

Kinesiologo – IKC International Kinesiology College 1998-2001 (Professionista disciplinato ai sensi della legge n° 4/2013, iscritto nel registro professionale degli Operatori Olistici di ASPIN, codice n°TV-0445-OP-P).

Evo Trainer Master (Qualifica Diet Coach) – Giovanni Cianti.

Istruttore Fitboxe – Bcube Academy.

Master in Mental Training e Psicologia dello Sport
patrocinato dall’Associazione Italiana Psicologia dello Sport.

Diploma Giudice Federale A.I.C.A.P.

Elisa Sossai

Personal Coach, formatore in campo sportivo e del fitness, specializzata in postura e mobilità articolare, in ginnastica posturale e funzionale, allenamento visivo/vestibolare, allenamento respiratorio e gestione del dolore.
Kinesio Taping certificato
Diploma e abilitazione odontotecnico